COME SUONARE IL DIDGERIDOO

INTRODUZIONE 

Questo breve corso non ha la pretesa di insegnare come suonare il didgeridoo a tutti indistintamente, visto che ogni persona ha un suo approccio personale che determina metodi e tempi d’insegnamento; vuole essere un aiuto per muovere i primi passi e capire come procedere nell’apprendimento.

Il didgeridoo per molti clan aborigeni è uno strumento tradizionalmente sacro, è importante quindi trattarlo sempre con rispetto.

E’ altresi importante all’inizio avere uno strumento facilmente suonabile. Per questo solitamente è preferibile come nota compresa tra Re e FA e un’imboccatura da 30 a 34mm di diametro.

E’ preferibile una posizione da seduti, o meglio da in piedi, con la schiena dritta, volto rivolto in avanti, né verso l’alto, né verso il basso, in modo da respirare e usare la voce agevolmente.

Maggiori info sulla postura

 

La posizione della bocca sul didgeridoo può essere sia frontale sia leggermente di lato.

 

IL SUONO BASE 

Il didgeridoo viene catalogato come aerofono ad ancia labiale in quanto sono le nostre labbra che vibrando producono il suono. Questa vibrazione è data da una pernacchia fatta con le labbra molto rilassate, come se si cercasse di imitare il verso di un cavallo. E’ importante che non ci siano fughe d’aria fra la bocca e il didge. Da tenere presente è che non serve molta aria e molta pressione altrimenti il suono tende a sfiatare.

Maggiori info sulla posizione della bocca e suono base

 

MODULAZIONE DEL SUONO E ARMONICI 

Una volta presa confidenza col suono base si può iniziare a cercare le modulazioni che hanno reso famoso il suono del didgeridoo. Il suono viene prevalentemente modulato modificando il volume della propria bocca; assumendo la posizione come se pronunciaste la lettera ” I ” potrete sentire il suono del didgeridoo con una modulazione più alta. Mentre assumendo la posizione della ” O ” la modulazione sarà più bassa. Questa tecnica è la base per creare i ritmi più elementari: “I-O-I-O”. Queste modulazioni vengono più comunemente chiamate armonici e sono prodotte dalla diversità di volume della bocca. Tenendo le guance in tensione provate le posizioni della bocca di tutte le vocali (A-E-I-O-U) senza usare le corde vocali.

Maggiori info sugli armonici

 

I VOCALIZZI 

Gli aborigeni usano molto la voce mentre suonano il didgeridoo per ottenere sonorità particolari o di supporto al drone. Spesso è poco avvertibile ma fondamentale. In questo caso è chiamata voce passiva (o passive voice). Per imparare provate semplicemente ad emettere un breve ma potente urlo mentre suonate. Chiaramente la vibrazione delle labbra non deve interrompersi, non è così difficile come sembra. Per definire meglio il suono potete aiutarvi usando delle sillabe, per esempio ” TUUUUU ” lasciando la ” U ” lunga. Un altro utilizzo interessante dei vocalizzi sono le note basse. Cercate di produrre con la voce una nota uguale a quella del vostro didge e poi abbassate di poco il tono in modo che le due note (quella del didge e quella della voce) essendo di poco diverse vadano in battimento. Si possono fare molti esperimenti su con questa tecnica e soprattutto chi mastica un pò di teoria musicale si divertirà a provare diverse combinazioni di note (per esempio: nota base del didge più la sua terza fatta con la voce).

Maggiori info sulla voce

 

LA LINGUA 

La lingua interviene in diverse tecniche: dalla respirazione circolare (di cui parleremo più avanti), alla modulazione del suono di cui abbiamo parlato prima. Sperimentate liberamente spostandola in tutte le parti della vostra bocca toccando, rullando e sfiorando. Una variazione sonora molto usata è il “rollamento” della lingua sul palato come se pronunciaste ” RRRRR “. Provate anche ad avvicinare la lingua ai denti oppure a fare dei piccoli stop come se pronunciaste la sillaba ” TO ” in modo secco ma arretrando la lingua sul palato mentre pronunciate la lettera ” T “. La lingua viene anche usata in diversi ritmi sfioranado o stoppando il suono. Provate mentre suonate a pronunciare ” UITTA ” oppure ” UITHA” (dove ” TH ” è il suono della lingua che sfiora i denti anteriori, un suono simile al ” the ” anglosassone) noterete che la differenza è data dalla lingua che nel primo caso stoppa per un attimo il suono e nel secondo interferisce ma senza stopparlo.

Maggiori info sul suono “R”

Maggiori info sul suono “T”

 

TOOT – EFFETTO TROMBA 

Il didgeridoo, come già detto, si suona come un trombone o una tromba producendo però una vibrazione più “molle” rilassando le labbra. Se tendiamo le labbra e produciamo una pernacchia più “acuta” otterremo un suono tipo tromba o corno. Tradizionalmente questa tecnica è molto usata, entra dolce ed aiuta la cadenza ritmica, in altri clan non viene quasi mai usata. Ricordate di emettere l’aria in modo secco e deciso ma senza esagerare. Impegnatevi a mantenere l’intensità del toot grosso modo allo stesso livello del drone. Un altro modo per produrre questo suono è quello di bloccare con la lingua le labbra creando uno “stop” con effetto tromba. All’inizio sarà complicato eliminare le pause fra la parte in cui si “vibra” normalmente e quella in cui si produce l’effetto tromba, ma piano piano riuscirete ad integrare il tutto al meglio.

Maggiori info sul TOOT

 

LA RESPIRAZIONE CIRCOLARE 

La respirazione circolare richiede, in principio, una grande concentrazione; ma una volta imparata, diventa spontanea ed automatica. Usando la bocca, come fosse una sacca piena d’aria, simile a quella della cornamusa, si soffia con molta pressione, sfruttando guance e lingua, e cercando al tempo stesso di “rapire” brevi respiri attraverso il naso.

Ci sono svariati modi per imparare questa tecnica:

Riempirsi la bocca d’acqua, e poi, usando guance e lingua, spruzzare fuori l’ acqua, prendendo brevi respiri attraverso il naso. La ragione per cui viene usata l’ acqua, e perchè se la cavità della bocca non è sigillata correttamente con la lingua quando si prendono brevi respiri attraverso il naso, l’ acqua viene deglutita automaticamente. E’ necessario perciò per la lingua di mantenere un efficiente ruolo di sigillo, in modo da potersi muovere avanti ed indietro spruzzando l’ acqua fuori dalla bocca. Ripetere questo esercizio diverse volte, al fine di ottenere confidenza e scioltezza con i movimenti della lingua e delle guance.

Oppure:

Si prende una cannuccia per bere, e si attorciglia la parte finale; il motivo per cui viene attorcigliata la parte finale della cannuccia è per creare maggiore pressione come quando si suona il didgeridoo. Mettendo la cannuccia in un bicchiere d’ acqua, si inizia a soffiare aria, premendo le guance ed usando al tempo stesso la lingua, per spingere fuori l’ aria che rimane nella bocca. Viene usato un bicchiere d’acqua, in modo che si può notare, attraverso le bollicine, quanto è costante il respiro. Può essere usato qualsiasi tipo di bicchiere, anche se un bicchiere alto sarebbe più adeguato.

Per rendere più chiaro e comprensibile il ruolo ,e soprattutto la posizione della lingua:

Riempirsi la bocca d’ aria, effettuare brevi e veloci respiri attraverso il naso. Ora bisogna riflettere e chiedersi: “Dov’e la mia lingua?” La risposta ovviamente è che la lingua è appoggiata sul palato.

provare a pronunciare qualsiasi parola contenente sillabe dal suono duro, come “ca-co-ch” (per esempio: cane, chiesa, collana); notare che eseguendo questo esercizio la parte superiore della lingua e situata sul palato ed i lati effettuano una chiusura ermetica della cavita della bocca. Ed e proprio così che dovrebbe funzionare, in modo da permettere alla lingua di muoversi in avanti spruzzando fuori dalla bocca aria (o acqua), mentre si prendono brevi respiri attraverso il naso.

La figura (tratta dal testo “The DIDGERIDOO Discovery”) mostra una sezione trasversale della bocca e della cavità nasale. L’illustrazione raffigura una della posizioni della lingua quando non è richiesta alcuna respirazione circolare. Quando quest’ultima è necessaria, bisogna posizionare la lingua, in modo da permettere che “A” entri in contatto con “B” sul palato, usando i lati della lingua, per sigillare e bloccare la cavità della bocca. A questo punto si muove la lingua in avanti, in modo che “A” si muova verso “C”. Premesso che venga sempre mantenuta un efficiente “Chiusura” (della bocca), l’aria nella cavita della bocca, verra poi espulsa sotto pressione, attraverso leggere vibrazioni delle labbra. Nel momento in cui la lingua si muove in avanti per espellere l’ aria, bisogna prendere brevi respiri attraverso il naso. (il movimento della lingua nella bocca è paragonabile a quello di un pistone che scorre in un motore).

Maggiori info sulla respirazione circolare

e paragrafi successivi.

I RITMI 

Il didge viene usato soprattutto dagli occidentali come strumento percussivo vista la sua propensione per i ritmi, . I ritmi possono essere prodotti in diversi modi. Pronunciando sillabe e in generale parlando dentro lo strumento si possono produrre un’infinita di ritmi: “TA-TU-TU TI-TA-TA”…”GHI-GON-GON”…”DID-GE-RIDOO”…”KORRO-KOKORRO”. Provate sia utilizzando le corde vocali e sia in versione “muta”. Le cose si complicano quando il ritmo diventa più veloce e serrato: “KOP-KO-KOO-KO-KOP” Dove e quando si può prendere aria!?

Provate ad emettere il suono della sillaba “KON” (senza voce) e appena finito prendere aria con la respirazione circolare. Vi renderete conto che si può prendere poca aria ma più spesso.

“KON (respiro) KI-KON (respiro)” questo è un ritmo che in questo modo può essere suonato molto velocemente. Un altro modo per prendere aria non interrompendo un ritmo è quello di produrre un suono mentre si inspira. Durante la respirazione circolare, l’inspirazione avviene mentre la lingua, le guance e il volume della bocca spingono fuori l’aria dalla bocca.

Esasperando questa spinta si otterrà un suono che somiglia ad un “OUN”. In questo modo potrete costruire ritmi senza dover frapporre pause per respirare: “KI-KA-OUN”.

Maggiori info sulle tecniche per comporre ritmi

e paragrafi successivi

di Ilario Vannucchi, rivisto e corretto da Andrea Ferroni 

1
×
Ciao, posso aiutarti?
Hello, may I help you?