“Kick Starter” il didgeridoo per il pricipiante di talento. Come nasce

“Kick Starter” è il nome dell’ultimo didgeridoo che ho ideato per principianti. In passato usavo le sigle per differenziare gli strumenti, lo so, erano poco emozionanti 🙂
“Kick Starter” invece è il giusto ruolo di questo strumento, colui che ti aiuta a dare un calcio d’inizio, uno strumento musicale che possa imprimere uno slancio enorme a chi si avvicina allo studio del didgeridoo.
La scelta della forma i materiali e la progettazione si basano su 19 anni di studio, ma anche di errori e frustrazioni passate proprio nei primi anni di studio.
Le ricordo con facilità perchè furono bei temi che ricordo con gioia ma anche perché… sai quante persone mi scrivono per informazioni su strumenti acquistati in rete, già crepati, troppo corti, troppo larghi, insomma, insuonabili? A volte, quando va meglio, sono tubi di plastica simili a quelli da idraulica, ma decorati. Per fortuna generalmente la spesa è ridotta a meno di 80€…
Quando va peggio, pezzi di legno trapanati e già crepati per cifre a volte superiori ai 150€
Io, 19 anni fa, spesi anche 350€ per uno strumento a cui rimasi a lungo affezionato, ma che di certo non mi aiutò a imparare più in fretta, anzi, ero tanto frustrato da aver rinunciato a suonare alcune tecniche. Ero convito di non essere affatto capace.
Tra queste tecniche il toot, strano no? Se mi conosci un minimo e se conosci un minimo il didgeridoo, divenni molto noto proprio per questa tecnica.
Cosa cambiò? Devo ammetterlo, ebbi un enorme colpo di fortuna facendo ciò che all’epoca sembrò un errore madornale.
Dopo aver rotto due didgeridoo costosi in due settimane ed aver quindi dilapidato il mio intero stipendio, decisi di costruire i miei primi strumenti. L’errore vero fu quello di realizzare forme simili a quelle che già suonavo. Ciò non aggiungeva nulla al mio modo di suonare, ma nemmeno poteva sembrarmi uno sbaglio… del resto chi lascia la strada vecchia per quella nuova, ecc. ecc.
Invece per un errore di lavorazione nella parte esterna, fui costretto a modificare drasticamente anche la forma interna. Ero convinto di dover gettare il lavoro eseguito e invece? fu lo strumento che più tra tutti mi diede realmente un calcio nel didietro per correre più di quanto già stessi facendo.
Non dovevo perdere quel colpo di fortuna, dovevo comprendere esattamente cosa cambiava rispetto ai precedenti, ma soprattutto perché una forma di quel tipo funzionava in modo tanto lontano da quanto immaginato.
Dopo 19 anni, tanto studio, collaborazioni con università, aziende in Italia e all’estero, ed un lavoro principale nelle simulazioni acustiche, è semplice capire cosa sbagliassi, ma non importa.
Mi ero accorto che qualcosa era cambiato per sempre.
Avevo dei propositi, volevo capirne la fisica, insomma come funzionava realmente, perché era chiaro che stavo sbagliando. Questo mi avrebbe aiutato in un nuovo proposito, quello di modificare la forma per realizzare strumenti ancora migliori. In ultimo un proposito che per me sta alla base di alcune arti, la replicabilità.
Alcune persone non sono d’accordo, pazienza, ti voglio dire la mia: Tu andresti mai da un cuoco per mangiare un risotto coi funghi sapendo che ogni tanto lo prepara bene, altre volte lo brucia, a volte è troppo salato, ecc. ecc.?
Magari tornerò su questo tema in un nuovo articolo.
Il fatto è che volevo e sono riuscito a realizzare copie anche identiche, oppure variazioni rispetto al modello di partenza con la più alta precisione oggi possibile.
Da circa 16 anni iniziando a lavorare la vetroresina su stampi, oggi con l’acquisto di un pantografo professionale a controllo numerico posso essere altrettanto preciso e forse anche di più anche col legno.
Ne sono molto contento.
Avere le idee chiare del lavoro fatto in questo mode offre maggiormente la possibilità di comprende tutte quelle sfumature che il suonatore di didgeridoo cerca nelle infinite variabili di questo strumento musicale.
Da ciò nasce “Kick Starter”!

___________________________________________

Se non vuoi perdere altri video Iscriviti su Youtube
Oppure iscriverti alla mailing-list inviando una mail a info@didgeridoo.it

Non esitare a lasciare un commento con il tuo pensiero o per richiedere altri contenuti.

Andrea Ferroni www.andreaferroni.it

Open chat
1
Ciao, posso aiutarti?
Hello, may I help you?